Irrigazione: i nostri consigli
Luglio 8, 2019
PRATOPRONTO: le diverse tipologie
Luglio 25, 2019

Che cos’è?

Sono molti i clienti che desiderano avere un giardino dal prato perfetto. E noi con passione e professionalità esaudiamo i loro desideri. In che modo? Con il PRATOPRONTO. Si tratta di un tappeto erboso già adulto in grado di essere piantato in qualunque posto e in qualsiasi stagione.Viene coltivato per almeno sei mesi sul suolo naturale e il clima temperato consente di poterlo coltivare in qualsiasi periodo dell’anno.
La velocità di raccolta ci consente di fornire prodotto sempre fresco, appena raccolto, con grandi vantaggi di durata, importante per le nostre spedizioni in tutto il bacino Mediterraneo. Il PRATOPRONTO può essere impiegato per qualsiasi opera paesaggistica, dal piccolo giardino privato all’impianto sportivo, dal parco pubblico al ripristino ambientale, in qualsiasi stagione dell’anno, sempre assicurando un veloce attecchimento ed una resa scenica immediata.

Perché conviene?

PRATOPRONTO, essendo una pianta già adulta, riesce ad attecchire velocemente anche in terreni non perfettamente idonei, arrivando a radicare persino qualora posizionato sopra un vecchio prato che si voglia sostituire. Chiaramente un prato a zolle può essere calpestato subito dopo l’impianto e dopo due/tre settimane sottoposto ad uso intensivo, mentre un terreno seminato può risultare per diverso tempo fangoso e morbido al calpestio.
In caso di piogge il PRATOPRONTO è in grado di fronteggiare benissimo l’erosione, mentre un terreno appena seminato è soggetto a disastrosi dilavamenti!

Preparazione del fondo

Il substrato ottimale per la crescita del tappeto erboso è prevalentemente sabbioso e caratterizzato da una elevata permeabilità, requisito di vitale importanza per lo sviluppo nel tempo di un manto erboso sano e rigoglioso. I suoli argillosi danno facilmente origine a ristagni idrici e finiscono con il compattarsi eccessivamente nel tempo, impedendo così la normale ossigenazione dell’apparato radicale; in tali situazioni vi suggeriamo quindi di apportare materiali drenanti quali sabbia di fiume lavata, pozzolana, lapillo o pomice.
Diversamente, i suoli molto sabbiosi sono estremamente permeabili, ma incapaci di trattenere sufficienti quantità di elementi nutritivi e di acqua. Possono essere arricchiti con l’apporto di sostanza organica (terricci e torbe), purché di buona qualità.

Messa in opera

Stesura delle zolle è una fase importantissima! Assicuratevi che la superficie di posa sia sufficientemente levigata ed assestata a seguito delle lavorazioni del terreno effettuate; in caso contrario eseguire una ulteriore rullatura e/o rastrellatura. Disponete le zolle le une accanto alle altre, sfalzando le giunture presenti sul lato corto, in modo da renderle meno visibili al termine della posa. Effettuate una leggera irrigazione manuale ogni 20/30 zolle appena posate; non dimenticate di lasciare le zolle ancora da posizionare in un punto ombreggiato del giardino. – Cicli irrigui:in estate, durante i primi 7/8 giorni circa, effettuare quotidianamente una normale irrigazione in un orario compreso tra le ore 6.00 e le ore 9.00. Al termine di questo periodo sarà sufficiente effettuare soltanto una irrigazione mattutina per ulteriori dieci giorni. In inverno verificare periodicamente il grado di umidità delle zolle ed intervenire solo se necessario e durante le sole ore diurne. Trascorsi circa sette giorni dalla posa in opera e, comunque, quando le prime radici avranno consolidato la zolla, dovete effettuare il primo taglio evitando così di far crescere eccessivamente il manto erboso.  

Verde Verticale

PRATOPRONTO ha portato al conseguimento di uno speciale processo produttivo brevettato, il VERDEVERTICALE. Si tratta di una specie graminacea che ne rende possibile l’impiego in verticale, poiché estremamente resistente alle alte temperature presenti sulle facciate delle nostre case e soprattutto poco esigente in termini manutentivi.
I suoi punti di forza sono:
– sviluppa ottimamente anche a 42°
– richiede bassi rapporti di fertilizzante
– non richiede falciature, poiché sviluppa al massimo una vegetazione di 25cm
– è molto resistente alle patologie
– ha una buona densità fogliare
– ha un alto potere isolante 

Vuoi saperne di più? Contattaci!