Coltiva l’orto dove vuoi!
Marzo 7, 2018
Giardino Zen, un antico modo tutto contemporaneo di pensare al tuo spazio verde
Gennaio 22, 2019
 

E’ indispensabile potare?

Se consideriamo che gli alberi sono comparsi sulla terra prima dell'avvento dell'uomo la risposta è scontata. Gli alberi che crescono nel bosco si autopotano (ovvero si regolano da soli) poiché perdono naturalmente i rami basali quando sono ancora di piccole dimensioni e sviluppano una struttura che è costituita per lo più da un unico fusto che porta le foglie o gli aghi solamente nella porzione apicale. Le piante da frutto vengono potate regolarmente ogni anno per garantire una produzione continua e costante nel tempo. Dopo 15-20 anni la loro "forza" si è esaurita e, a causa di ciò, vengono abbattuti e sostituiti con altri alberi da frutto, in una sequenza infinita. Quali sono, dunque, i motivi che spingono alla potatura di un albero ornamentale?

Perchè potare?

La potatura degli alberi ornamentali serve essenzialmente a stabilire una forte struttura formale, a dirigere la crescita dell'albero e ad eliminarne le parti potenzialmente pericolose e quelle malate, morenti o morte, al fine di garantire la sicurezza e la sanità dell'albero per il periodo di tempo più lungo possibile. La potatura, In sostanza, deve avere lo scopo di prolungare il più a lungo possibile la vita di un albero. La potatura non serve a determinare la dimensione finale dell'albero a meno che lo stesso non venga allevato in forma obbligata e assoggettato a interventi continui (annuali o biennali) che devono incominciare fin dal vivaio sull'albero giovane. Se dovete ricorrere alla potatura per contenere lo sviluppo dell'albero in quanto i suoi rami "entrano in casa" o spostano le tegole del tetto e le sue radici creano danni al manufatti vuoi dire che quell'albero non doveva essere piantato in quel punto e chi lo ha messo a dimora ha commesso un grosso errore.

Come eseguire i tagli di potatura?

1 tagli dovrebbero essere eseguiti in modo da eliminare solo i tessuti del ramo, senza danneggiare i tessuti del fusto e senza lasciare nel contempo monconi di potatura. In questo modo viene rispettata la zona di protezione del ramo e favorita la chiusura della ferita stessa. Ma prima di parlare di come togliere un ramo da un albero occorre ricordare come esso sia attaccato al fusto.

„Quando potare?”

 

A partire dalla ripresa vegetativa e fino alla completa distensione e maturazione delle foglie l'albero a foglia cadùca, in pratica consuma energia (immagazzinata sotto forma di amido di riserva nei tessuti del fusto e dei rami) in quanto non ha foglie che gli consentano di produrla sul momento. A mano a mano che la foglia si forma e si distende si ha un progressivo incremento di energia prodotta che va a compensare quella consumata con la formazione dei nuovi organi (foglie, fiori, germogli, nuove gemme).

E' questo il periodo più critico durante il quale è meglio evitare ogni tipo di potatura. Altro periodo critico è quello che precede la caduta delle foglie; in questa fase, infatti, l'albero immagazzina sostanze di riserva, sotto forma di amido, per prepararsi alla ripresa vegetativa della primavera successiva e, nello stesso tempo, in generale a partire da agosto, avvia i processi di lignificazione di buona parte degli organi erbacei formatisi durante la primavera e l'inizio dell'estate. In generale per le caducifoglie il periodo migliore per eseguire un intervento di potatura è durante il riposo vegetativo (potatura secca o invernale) o dopo l'emissione e la completa maturazione delle foglie (potatura verde o estiva). Secondo il ricercatore statunitense Kim Koder della Georgia University, il periodo ottimale di potatura invernale cade dalla caduta delle foglie a Natale. Una potatura leggera che rimuova, al massimo, il 10% della vegetazione presente è comunque sempre possibile. La potatura estiva, eseguita dal momento della completa distensione delle foglie all'inizio dell'estate, in base a studi recenti condotti da ricercatori del Laboratorio di Fisiologia dell'albero dell'Università Parigi 7 (unico laboratorio di ricerca europeo specializzato nello studio della fisiologia dell'albero in ambito urbano) e da tecnici del verde francesi, ha dimostrato che per le caducifoglie, soprattutto tigli, platani e specie appartenenti al genere Prunus (p. es. ciliegi da fiore) l'accumulo di sostanze di riserva aumenta di un 30-40%. La potatura estiva deve essere leggera e comunque, in linea di massima, non deve asportare più del 20% (un quinto) della vegetazione. Quanto alla potatura estiva, l'Istituto francese afferma che i vantaggi sono: 1. Migliore compartimentazione (capacità dell'albero di difendersi da attacchi di funghi che degradano il legno) e quindi migliore resistenza ai patogeni 2. Migliore chiusura dei tagli dunque migliore ristabilimento meccanico del legno 3. Ripresa immediata dell'attività fotosintetica delle foglie da cui la rapida ricostituzione delle riserve. .

Quanto potare?

La quantità di legno e di gemme che possono essere asportate da un albero varia in funzione del vigore, dello stato di salute e dell'età dell'albero; mentre un albero giovane, sano e vigoroso può sopportare anche interventi piuttosto pesanti, la quantità di legno che può essere rimossa da un albero maturo diventa progressivamente più piccola. Come regola generale è preferibile eseguire più interventi di limitata portata dilazionati negli anni asportando per ogni intervento di potatura non oltre il 20-25% della chioma (da un quarto ad un quinto del volume complessivo dell'albero), ad eccezione degli alberi tenuti in forma obbligata. È , comunque, fondamentale tenere sempre a mente che tanto più si interviene su rami a sezione piccola tanto più facilmente l'albero rimarginerà le ferite, tanto più i tagli sono su rami a sezione grande e tanto più facile sarà l'insorgenza di gravi alterazioni dei tessuti quali le carie (che possono, nei casi più gravi, portare al crollo della pianta). Altra regola generale è quella di assecondare sempre la forma naturale dell'albero a meno che questo non sia allevato in forma obbligata. Pertanto evitate di asportare o raccorciare rami e branche in modo casuale ma osservate sempre la forma della chioma.